Politica
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 07 Novembre 2007

"Pd, un partito per modernizzare l’Italia e l’Umbria"     sdfsdf

di Alberto Stramaccioni

La straordinaria partecipazione al voto delle primarie del 14 ottobre di quasi tre milioni e mezzo di cittadini italiani, di cui oltre ottantamila umbri, è destinata a segnare una importante novità nella vita politica nazionale. 
1. Nasce una nuova formazione politica, il Partito Democratico, viene eletto direttamente il suo primo segretario Walter Veltroni, i segretari regionali e i membri dell’Assemblea Costituente Nazionale e di quelle regionali. L’importanza politica delle primarie non sta solo nella grande partecipazione popolare, ma nella chiara volontà di cambiamento che il voto esprime. Non è un caso che Walter Veltroni abbia interpretato il voto delle Primarie usando termini come “discontinuità, “innovazione”, “lotta ai conservatorismi”, “modernizzazione”, per caratterizzare proprio l’azione futura di un partito a “vocazione maggioritaria”.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Domenica 21 Ottobre 2007

"Subito la sfida per la modernizzazione dell'Umbria"
"Dopo le Primarie del 14 ottobre lotta ai conservatorismi"    sgjns

di Alberto Stramaccioni


Il successo del voto del 14 ottobre conferisce al nascente Partito Democratico una particolare responsabilità politica in Italia come in Umbria. Dalle primarie emerge inequivocabilmente, non solo una volontà di partecipazione, pur importante, ma anche e soprattutto un bisogno di cambiamento. Non si possono quindi deludere le attese di migliaia e migliaia di cittadini continuando ad operare e a governare l’Italia e l’Umbria come se nulla fosse successo.
Non è un caso che Walter Veltroni abbia interpretato il voto delle Primarie usando termini come “discontinuità, “innovazione”, “lotta ai conservatorismi”, “modernizzazione”, per caratterizzare proprio l’azione futura di un partito a vocazione maggioritaria.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 18 Ottobre 2007

"Relazione alla Commissione Difesa della Camera dei Deputati nella seduta del 17 ottobre, dell’on. Alberto Stramaccioni, relativa al disegno di legge riguardante la riforma del Codice penale militare di pace."    sdgsdg

Il codice penale militare di pace, di cui al regio decreto 20 febbraio 1941, n. 303, sebbene abbia subìto nel corso degli anni diverse modifiche a seguito di interventi legislativi e della Corte costituzionale, necessita di una profonda rivisitazione che tenga conto della professionalizzazione delle Forze armate e della connessa sospensione della leva, nonché del crescente impegno nazionale nel contesto di missioni internazionali. 
La presente proposta di legge, alla luce di tale esigenza, conferisce al Governo la delega per l’adozione del nuovo codice penale militare di pace, abrogando quello attualmente vigente. 
Nel corso della mia relazione mi soffermerò sui principi fondamentali che ispirano tale riforma e sulle principali novità introdotte dalla riforma stessa.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 04 Ottobre 2007

"Quelle delegittimazioni eccellenti"
"Verso le Primarie del Partito Democratico del 14 ottobre"     sgsdg

di Alberto Stramaccioni

I ripetuti conflitti di queste settimane tra le diverse componenti politiche che stanno dando vita al Partito democratico in Umbria erano in gran parte prevedibili. E per questo potevano essere meglio governati con minori danni d’immagine. Ma oramai solo una forte partecipazione alle primarie del 14 ottobre può recuperare una difficile partenza per il Pd. Detto questo se si vuole guardare in faccia alla realtà, la cosa peggiore sarebbe quella di indulgere ad una lettura puramente qualunquistica o peggio moralistica dell’intera vicenda delle liste per le Primarie.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 06 Settembre 2007

"Ds e Margherita ai ferri corti"
"L’alba tormentata del Pd. Restano pochissimi giorni per scegliere il candidato a segretario regionale della lista Veltroni. L’Umbria è l’unica regione ancora in alto mare, finora inascoltati gli appelli romani"     gdfg

di Marco Brunacci

Dopo la prova muscolare dei Ds, che non si sono limitati a proporre come segretario del nuovo Partito democratico il loro candidato(Wladimiro Boccali) ma hanno anche “suggerito” alla candidata della Margherita di accontentarsi di fargli da vice, è scontro aperto tra Ds e Margherita. Il Partito democratico sembra destinato a nascere in Umbria, pochissimi giorni dalla presentazione delle candidature, sotto i peggiori auspici. Non sono bastati gli inviti, più o meno pressanti, di Veltroni stesso, come di Migliavacca e Bettini, di Franceschini e, per ultimo di Piero Fassino per giungere ad una candidatura condivisa tra i partiti che costituiranno il nuovo Pd(qualcuno dei vertici nazionali sarebbe arrivato ad ipotizzare un diniego romano a controfirmare le liste provenienti dall’umbria). la direzione Ds dell’altra sera, per indicare Boccali a tutti i costi contro ogni indicazione romana, ha usato toni tanto esagerati da ricordare i combattenti della “Corazzata Potemkin”ma nella versione fantozziana dell’eroico film.
Per rimediare alle fratture di ieri l’altro non è servita ad alcunché la riunione di ieri mattina del Comitato pro Veltroni (Clara Sereni, Bocci e Caporalini)e Margherita (Castellani, Brega, Guasticchi). L’appassionato richiamo della Sereni alle scelte “alte” del nuovo Partito democratico sono cadute nel vuota davanti all’irremovibile Bracco sostenuto dal giovane Fancelli, con un Mignini desolato e defilato. Il segretario reginale Ds avrebbe ammesso che sta male per le pressioni che arrivano dall’alto “ma la scelta del partito è netta”. Peggio Castellani che ha detto di star male per le pressioni sia dall’alto (i vertici romani) che dal basso (i colleghi di partito che lo accusano di subire lo strapotere dei Ds). In questo contesto “ospedaliero”, ecco una dure telefonata del segretario di Veltroni, Verini, (“Basta figuracce, abbiamo ben altro di cui occuparci, fate presto e bene”) e un primo segnale dato dal deputato diessino Stramaccioni, duro con i vertici del suo partito e che ha aperto il vaso di Pandora e delle nuove candidature. 
Cosa dice Alberto Stramaccioni che è stato anche segretari regionale dei Ds? Prima di tutto non si nasconde che “la situazione desta grandissima preoccupazione”. Perché “da una parte, nella società umbra avverto consistenti attese e speranze, ma dall’altra nei gruppi dirigenti più ristretti dei due partiti non vedo emergere quella capacità di proposta e quel senso di responsabilità ed equilibrio che sarebbe necessario quando si vuole costruire un nuovo partito, come quello democratico, che deve aprire una nuova fase politica anche in Umbria. Sembra che non si condivida proprio il progetto del Partito democratico”.

D. Chi è secondo lei che non dimostra il necessario senso di responsabilità?
R. “Non ho difficoltà a dire che il modo in cui è stato gestito il dibattito interno ai Ds è stato francamente sconcertante e al quale ho scelto di non partecipare. E’ iniziato solo il 23 agosto e subito si è cristallizzato in una contrapposizione con la Margherita che ricorda l’autosufficienza del Pci degli anni Settanta, quando quel partito aveva una ben diversa forza politica ed elettorale. Non si ha per niente la percezione che si voglia realmente costruire un partito nuovo, frutto del superamento dei limiti politici, programmatici e di classe dirigente, dimostrati negli anni sia dai Ds che dalla Margherita”.

D. Ce l’ha con l’attuale classe dirigente dei Ds?
R. “E’ certamente una valutazione politica che mette in evidenza la crisi del gruppo dirigente regionale dei Ds che si è aperta oramai da molti anni, ma che ultimamente si è fatta ancora più grave. I Ds in Umbria hanno ottimi dirigenti singolarmente presi, con una grande esperienza politica, amministrativa e di governo, ma non sono in grado di essere un collettivo che sappia esprimere proposte unitarie e rischiano di concludere la loro esperienza politica nel modo meno positivo per loro e per la società regionale”. 

D. Cosa pensa della candidatura di Boccali?
R. “Io non voglio esprimere giudizi sulla persona, mi limito a constatare che non trova il sostegno della Margherita i quali propongono un’altra candidatura. E mi dispiace poi che la discussione sia molto condizionata anche da aspettative di carriera futura di una parte molto ristretta dei dirigenti Ds”.

D. E delle pressioni romane cosa dice?
R. “Penso che si possa resistere, se si vuole, alle pressioni romane, è già stato fatto in passato. Ma con candidature forti e particolarmente autorevoli, rappresentative e soprattutto condivise da una base molto larga dei due partiti e dalla società civile”. 

D. A questo punto qual è la sua ricetta?
R. “Riconsiderare le proposte in campo, cercare una candidatura il più possibile condivisa anche, se necessario, di tipo istituzionale. Se questo non succedesse allora ognuno si assumerà le proprie responsabilità e spero che le forze più realmente convinte del progetto del Pd, fortunatamente presenti sia nei Ds che nella Margherita, abbiano la capacità di esprimere una loro proposta autonoma per competere nelle elezioni primarie”.

D. E lei a quel punto che farebbe?
R. “Beh, mi renderei disponibile a far si che le primarie siano una effettiva occasione di confronto politico tra candidature diverse. D’altronde il Partito Democratico richiede, assieme ad una innovazione politica e programmatica, un rimescolamento delle culture politiche e delle classi dirigenti dei due partiti”.

A proposito di altri candidati, ecco il pensiero che corre a quello che già c’è: il sindaco di Marsciano Gianfranco Chiacchieroni il quale dice secco “ Mi candido, certo che mi candido ho già raccolto 500 firme in tutta l’Umbria. Da Perugia a Foligno passando per Spoleto e l’Alto Tevere. Mi appoggiano tanti: artigiani, coltivatori diretti e cittadini comuni. Voglio dare un contributo di chiarezza alle Primarie . naturalmente se si trova una candidatura condivisa sono pronto a fare un passo indietro. Ma condivisa significa una candidatura credibile per il Pd che superi la diatriba Ds-Margherita”. Ma sono pronti pure Piccioni o la Tossi Brutti (ex Angius rientrati) mentre la Bruscolotti sta raccogliendo le firme. Se arrivassero ulteriori candidati l’umbria batterebbe tutti i record di litigiosità dentro il nascente Partito democratico (solo Campania e Sardegna non hanno concluso). Mac’è chi comunque sta cercando di mediare. Ieri, consultazioni informali in Corso Vannucci: ancora segnalato Stramaccioni al centro in un colloquio con Carlo Antonini e Paolo Baiardini, Gianpiero Bocci con Catiuscia Marini, la quale potrebbe essere importante ambasciatrice.
Per finire da segnalare una spaccatura in una solida “famiglia” politica umbra: il candidato Boccali ha l’entusiastico appoggio di Marina Sereni, che per lui non ascolta nemmeno Fassino e quello di Gianpiero Rasimelli, ma non il sostegno di Mauro Agostini, freddissimo nei confronti del famoso enfant prodige perugino.

 
« InizioPrec.11121314151617181920Succ.Fine »

Pagina 11 di 29

Video

Chi è online

 11 visitatori online
Tot. visite contenuti : 363469

feed-image Feed Entries


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps hosting Valid XHTML and CSS.